Esposizione Sindrome cheratopatia: una patologia oculare genetica

Una delle tante meraviglie di allevamento per le caratteristiche specifiche è che i cani ed altri animali sono stati selezionati per soddisfare uno standard di razza o un insieme di caratteristiche che rendono quel cane unico da altre razze del cane. Purtroppo in alcune delle razze uniche che sono sviluppati ci sono problemi di salute associati con le stesse caratteristiche che definiscono la razza. Spesso questi problemi di salute sviluppati prima primi allevatori compreso l’impatto di allevamento per certe caratteristiche, o addirittura il rischio di cani di allevamento che mostravano alcuni tratti. Cheratopatia sindrome L’esposizione è un esempio che è molto importante in alcune razze a causa della formazione degli occhi specifica che definisce la razza.

Cheratopatia sindrome si verifica con esposizione ci sono problemi con la capacità delle palpebre per chiudere o chiudere correttamente per mantenere il bulbo oculare umido e privo di detriti e sostanze irritanti. Ci sono tre cause principali della sindrome e comprendono esoftalmo, lagophthalmus e macroblepharon.

In inglese semplice esoftalmo, un bulbo oculare sporgente. Questo è spesso descritto nelle standard di razza come un occhio prominente. Le razze che vengono allevati per un occhio prominente sono Carlini, Boston Terrier, Pechinese, Shih Tzu e Lhasa Apso. Lagophthalmus va spesso insieme con esoftalmo e si verifica quando le palpebre sono troppo piccole per chiudere completamente sopra l’occhio. Questo di solito è più facilmente visibile quando il cane dorme e l’occhio è visibile tra le palpebre. Le razze brachychephalic o brevi museruola sono più inclini a queste due condizioni.

Macroblepharon si verifica quando la palpebra inferiore è molto sciolto e grande e non è stretto contro l’occhio. Anche quando questi cani lampeggiare la palpebra inferiore resta fuori dall’occhio, impedendo una umidificazione completa della parte inferiore del bulbo oculare. Alcune delle razze che sono più inclini a questa condizione sono il Basset Hound, Bloodhound, Mastini, Cavalier King Charles Spaniel, San Bernardo, Terranova e il Cocker Spaniel americano. Questi sono spesso i cani dagli occhi tristi e spesso i loro occhi può apparire rossa e irritata.

In tutti e tre i tipi di sindrome di esposizione cheratopatia gli occhi sarà rossa e irritata e può avere una scarica di spessore o strappi. Il cane può strofinare i suoi occhi e detriti può essere evidente negli occhi. Se non trattata lesione corneale può verificare che, nel tempo, portare alla diminuzione della vista e persino cecità. Sostituti lacrimali come lacrime artificiali possono essere utilizzate temporaneamente ma il più efficace e il trattamento a lungo termine per prevenire ulteriore danno occhio è un intervento chirurgico per aumentare la dimensione palpebra e fornire una protezione per l’occhio. In alcuni casi, soprattutto con macroblepharon, entropion o verso l’interno di rotolamento della palpebra inferiore sarà anche bisogno di essere corretti.

Per i cani che hanno l’infezione infezioni nella cornea dovranno essere trattati prima di un intervento chirurgico per cui gli antibiotici topici e orali verrà prescritto. Regolare lavaggio e pulizia del contorno occhi e per rimuovere lo sporco o detriti sarà molto importante in questo momento. La diagnosi precoce e il trattamento è l’opzione migliore possibile e proprietari dovrebbero avere gli occhi del cane controllato se appaiono arrossata, irritata o il cane è scalpitare o strofinando i suoi occhi su base regolare.
Esposizione sindrome cheratopatia, problemi di salute, Salute

Il tetano: una malattia Lockjaw Fatal
Sub-Stenosi aortica: Un difetto cardiaco Ereditato in alcune razze
Esercizio sano e problematico
SCID In Arabians
Nanismo Parte Gene integrante di alcuni Razze di cane; problematici per gli altri
Tempra cartilagine
I Miti della Mange
Jaw asimmetrico
Come determinare se il vostro cavallo ha Worms
Ear Wax Buildup
Corticale renale Ipoplasia: sviluppo incompleto della corteccia del rene

Leave a Reply